Top 10 Super Integratori

by Redazione on 20 ottobre 2011

Post image for Top 10 Super Integratori

Avrai sicuramente sentito parlare di alimenti che migliorano il tuo stato di salute e di benessere.

Come anche, avrai letto su giornali o riviste riguardo ad alimenti che, se inseriti nella tua alimentazione quotidiana, possono fornirti un valido aiuto per prevenire malattie e disagi, oltre ad aumentare il tuo benessere generale.

Ma sono tutte informazioni vere?

Tutto ciò che senti dire e tutto ciò che ti capita di leggere corrisponde alla realtà dei fatti?

Soprattutto, alcuni di questi cibi sono presentati come super-alimenti.

Ma lo sono davvero oppure sono solo delle banali mode passeggere?

Con questo breve articolo voglio chiarirti un po’ le idee, presentandoti un elenco di 10 alimenti che sono realmente ricchi di speciali molecole ed elementi nutrizionali utili per la tua salute, e che potranno aiutarti e proteggerti per resistere meglio a varie malattie, godendo di una salute maggiore.

Ognuno di questi alimenti ha delle proprietà specifiche e singolari, ma tutte fuori dal comune per la loro forza ed efficacia:

 

BACCHE DI GOJI – il Goji è entrato da poco in questa classifica, ma presenta delle caratteristiche che gli conferiscono un buon posizionamento in questa classifica degli integratori più salutari. Infatti, il Goji sta acquistando sempre di più fama nel settore “nutrizione salutistica” anche perchè iniziano ad essere davvero varie e numerose le ricerche eseguite in ambito mondiale sulle sue varie proprietà.

Ad esempio, la somministrazione del frutto ha mostrato -in specifici esperimenti di laboratorio in vitro e in vivo- di aumentare l’attività di varie cellule del sistema immunitario (effetto attribuito agli specifici proteoglicani prodotti dalla pianta e rinvenibili nelle bacche, denominati con l’acronimo della pianta di Goji, LBP – Lycium barbarum polysaccharides).

Quando il sistema immunitario è al massimo della sua efficienza, si ottiene una resistenza maggiore dell’organismo contro l’attacco di virus, batteri e contro lo sviluppo di cellule tumorali. L’attività antinfiammatoria è stata osservata nel trattamento della gastrite, con effetti significativamente positivi. Patologie dermatologiche, come la psoriasi, l’herpes, l’eczema, neurodermatite e alopecia, hanno tratto giovamento dal Goji in alcuni esperimenti controllati di laboratorio.

Inoltre, questo eccezionale frutto possiede anche un’attività tonico-stimolante e rinvigorente (anche grazie alla sua azione di sostegno sulla normale produzione di testosterone) grazie alle varie molecole nutrizionali presenti nel succo e nelle bacche, come Zinco, Vitamine del gruppo B, aminoacidi e diverse altre.

Il tutto si può tradurre in un aumento medio del livello di benessere generale, con un miglioramento della resistenza alla fatica, un aumento della memoria a breve termine e dell’attenzione (vitamine del gruppo B e polisaccaridi specifici).

Le bacche di Goji offrono un’ottima miscela equilibrata di nutrienti fondamentali: vitamina C, vitamine del complesso B, fitosteroli, polisaccaridi e monosaccaridi, ben 22 minerali, acidi grassi tra cui gli essenziali, 6 carotenoidi tra cui il betacarotene. Oltre a possedere elementi nutrizionali specifici, come i suoi polisaccaridi LBP indicati più sopra, ai quali viene attribuito una quota dell’effetto antiossidante (esogeno ed endogeno) del Goji e identificati come i maggiori fautori dell’azione di sostegno del sistema immunitario.

Se vuoi avere altre informazioni dettagliate sul Goji clicca qui

 

SEMI DI ZUCCA – questi piccoli semi sono da sempre apprezzati dalle popolazioni dell’America del Nord per le sue proprietà alimentari e fitoterapeutiche. Sono un vero e proprio concentrato di fitosteroli, molto utili per ridurre il colesterolo e per mantenere il buon funzionamento della prostata.

I semi di zucca sono anche un’ottima fonte di omega-3, di omega-6 e di minerali, in particolare di fosforo, magnesio, zinco e ferro. Tutto ciò fa di questi piccoli semini uno degli alimenti più completi, salutari nonché gradevoli che puoi utilizzare.

 

OLIO DI PESCE – deve avere certe caratteristiche come la purezza (privilegia i prodotti con certificazione di assenza di componenti inquinanti) e la concentrazione (almeno da 1,5 g a 2,5 g al giorno).

Il suo contenuto in acidi grassi omega-3 gli conferisce un’infinità di doti salutistiche, infatti è un fluidificante del sangue e quindi aiuta a prevenire le patologie come ictus, aterosclerosi e ischemie.

Ha proprietà fluidificanti per le membrane di tutte le cellule dell’organismo e contribuisce quindi a prevenire l’arteriosclerosi, gli strappi muscolari e al tempo stesso agevola la vitalità dei tessuti, perché facilita la comunicazione fra le varie cellule.

Possiede attività antiossidante e svolge un’azione nutriente privilegiata per le preziosissime cellule neuronali, facilitandone lo sviluppo, la maturazione e l’efficienza, potenziando le funzioni mnemoniche, di concentrazione e di apprendimento.

 

POLLINE – il polline è un concentrato naturale di tantissimi micronutrienti e microelementi che possono risultare molto utili, soprattutto in determinati periodi in cui siamo sottoposti a stress psico-fisici.

Infatti rappresenta una soluzione multi-vitaminica e multi-minerale del tutto naturale. Il polline è una polvere fine ed appiccicosa che costituisce la materia fecondante dei fiori.

Il polline racchiude in maniera completa tutti gli elementi fondamentali alla vita: proteine, vitamine, amminoacidi, grassi, carboidrati, enzimi, sali minerali ed ormoni.

Il polline è un vero e proprio concentrato di aminoacidi, sia essenziali che non essenziali, e di glucidi (come il fruttosio), di oligoelementi e vitamine che lo rendono un prodotto energizzante e ricostituente.

Quindi, oltre alle sue proprietà adattogene, è un elemento di aiuto anche nella prevenzione di  anemia, arteriosclerosi, astenia, fragilità capillare, colite, depressione, diabete, dimagrimento, eczemi, influenza, occhi stanchi, prostatiti, reumatismi, stipsi e varici.

 

GERMOGLI DI ALFA-ALFA – i germogli di alfa-alfa si ottengono dalla germinazione dei piccolissimi semi della pianta di alfa-alfa (acquistabili presso la maggior parte dei negozi di alimenti naturali).

Li possiamo paragonare parzialmente al polline descritto in precedenza, in versione vegetale. Infatti, queste piantine sono un iper-concentrato di tutti i micro-elementi che supportano e stimolano il metabolismo, incluso quello energetico.

I germogli freschi (che puoi ottenere facilmente a casa tua) possono essere utilizzati, ad esempio, in aggiunta all’insalata o frullati, per ricavarne il succo.

 

SUCCO D’UVA ROSSA – il succo d’uva rossa, come il vino rosso ma senza il principio ossidante alcolico, contiene il resveratrolo, che ha dimostrato in laboratorio di prolungare la vita media dei topi, quindi si suppone possa fare altrettanto anche con l’uomo.

Inoltre, contiene anche le antocianine, che sono pigmenti rossi ad azione antiossidante che troviamo anche nei frutti di bosco e nella frutta rossa.

 

THE DI ROIBOOS – il roiboos è una pianta di origine africana, della quale vengono utilizzate le foglie per farne un gradevole thè remineralizzante e antiossidante, ma senza la teina, che caratterizza invece la maggior parte degli altri tipi di thè.

Si consiglia di prepararsi 1- 1,5 litri di thè da consumare anche a temperatura ambiente durante tutto l’arco della giornata.

In questo modo si può approfittare di una protezione antiossidante e di un apporto mineralizzante costante e di una idratazione della quale gioverà tutto l’organismo.

 

CANNELLA – la cannella è una delle spezie più antiche e conosciute al mondo. Da recenti studi è emerso che la cannella ha un ruolo importante nella riduzione della glicemia nelle persone che soffrono di diabete, molto probabilmente grazie al gran numero di polifenoli che contiene, i quali svolgono un’azione simile a quella dell’insulina.

Quindi, in questo periodo storico di eccesso di carboidrati, la cannella può certamente rappresentare un aiuto preventivo contro le patologie collegate all’iperglicemia.

 

CARDO MARIANO – il cardo mariano è divenuto famoso come pianta per un aiuto specifico al fegato.

Esiste un noto studio condotto sui topi, in cui due gruppi di topi sono stati sottoposti ad avvelenamento con un fungo tossico del genere Amanita. Uno dei due gruppi è morto dopo poche ore dall’assunzione.

Al secondo gruppo di topi era stato somministrato un preparato a base di cardo mariano, poco prima dell’avvelenamento. Bene, i topi di questo secondo gruppo sono usciti straordinariamente illesi, senza nessuna grave conseguenza, dall’avvelenamento da Amanita.

Il segreto del cardo è la sua concentrazione di composti silimarinici, i quali, come risulta dall’esperimento sopra descritto, svolgono un’azione protettiva e detossicante sul fegato, che ben pochi altri pochi prodotti naturali o farmacologici sono in grado di espletare.

 

CURCUMA – questa pianta, utilizzata tradizionalmente come spezia, possiede un notevole potere antinfiammatorio e antiossidante. Risulta particolarmente utile per alleviare tutti i dolori di origine infiammatoria che coinvolgono muscoli e articolazioni.

Infatti, nelle antiche popolazioni dell’India la curcuma è stata utilizzata per secoli come cura per l’artrite e i dolori alle ossa. Per quanto riguarda il suo ruolo antiossidante, vi sono diverse ricerche condotte dal dott. Scapagnini sulla popolazione ultra centenaria dell’isola di Okinawa, la quale è abituata a consumare come alimento costantemente presente, thè verde e curcuma.

Per cui si collega alla curcuma il beneficio della longevità.

 

 

{ 1 comment… read it below or add one }
N.B. Saranno pubblicati esclusivamente i commenti di interesse pubblico. Per domande personali provvederemo a rispondere agli utenti in forma privata.

Antonio aprile 23, 2012 alle 15:09

buongiorno, sto assumendo gia da un mese delle capsule integratori di GOJI acquistati presso un erboristeria prodotti da ERBAMEA,volevo sapere se anno lo stesso effetto delle bacche o del succo visto che per adesso non c’è stato nessun miglioramento. grazie

Rispondi

Leave a Comment

Previous post:

Next post: