Radicali liberi. Obiettivo: attacco ai lipidi

by Redazione on 24 luglio 2012

Post image for Radicali liberi. Obiettivo: attacco ai lipidi

Prima di addentrarci in una delle zone d’attacco predilette dai radicali liberi, ovvero i lipidi, vediamo questa specie chimica particolare un po’ più da vicino.

ROS, è un termine che descrive la maggior parte dei radicali liberi, quelli cioè derivati dall’ossigeno (l’acronimo sta per Reactive Oxygen Species: Specie Reattive dell’Ossigeno).

Le specie reattive dell’ossigeno (ROS) si formano continuamente nel nostro organismo, all’interno delle normali vie metaboliche.

La situazione  può essere facilmente peggiorata, fino a degenerare, dall’influenza dell’ambiente e delle nostre abitudini. Infatti, così come possiamo ridurre la formazione interna dei radicali liberi e la loro immissione dall’ambiente, nello stesso modo possiamo aumentarne il sovraccarico in modo inconsapevole, senza neppure attuare le dovute precauzioni per proteggerci.

I radicali ROS (e gli altri radicali liberi) rappresentano una potenziale fonte di danno per le nostre cellule, poiché  sono in grado di attaccare le loro zone molecolari più delicate e importanti: membrana cellulare (lipidi di membrana), proteine (enzimatiche, strutturali, funzionali non-enzimatiche), carboidrati (strutturali-funzionali), acidi nucleici (DNA ed RNA).

Questa capacità dei radicali liberi di provocare danni alle strutture cellulari proviene dalla loro tendenza (di natura chimica) a strappare elettroni dalle altre molecole, che si vengono dunque a trovare in carenza di un elemento, instaurando così una situazione di instabilità.

Scopriamo quali sono le specie ROS che troviamo negli organismi viventi (incluso l’uomo).

Alcuni importanti radicali liberi (propriamente detti):
OH° è Radicale Idrossilico
NO° è Radicale Nitrossido
LOO° è Radicale Lipoperossilico
O2° è Anione Superossido

Alcune altre specie reattive dell’ossigeno non-radicaliche:

H2O2 è Acqua Ossigenata
1O2 è Ossigeno Singoletto
HOCl è Acido Ipocloroso
O3 è Ozono

L’instabilità che queste molecole creano sulle delicate strutture cellulari dev’essere quanto prima risolta per preservare la buona funzionalità delle cellule.
A questo proposito sistemi interni dell’organismo tendono a minimizzare gli effetti dei radicali liberi attraverso vari sistemi.

Ma quando i danni si sono venuti a creare è difficile recuperare lo stato precendente all’attacco dei radicali liberi, soprattutto in breve tempo e su tutte le strutture attaccate.

Se i radicali liberi non vengono quindi inattivati, la loro reattività chimica è in grado di danneggiare tutti i tipi di macromolecole fondamentali (lipidi, carboidrati, proteine, acidi nucleici), con effetti che sono implicati -in modo ormai ampiamente riconosciuto- nello sviluppo di malattie degenerative come il cancro e le malattie cardiovascolari.

Quindi, la migliore strategia è la prevenzione.

 

Nel prossimo articolo studieremo la nostra linea di difesa primaria contro i radicali liberi, cioè gli antiossidanti (endogeni ed esogeni).

 

{ 0 comments… add one now }
N.B. Saranno pubblicati esclusivamente i commenti di interesse pubblico. Per domande personali provvederemo a rispondere agli utenti in forma privata.

Leave a Comment

Previous post:

Next post: